CROSTINI D'INVERNO

Oggi siamo abituati a metterci sopra di tutto e a farne delle piccole leccornie, ma un tempo fare i crostini era solo un modo per non buttare via il pane raffermo; i contadini lo abbrustolivano sul fuoco e lo consumavano condito solo con un filo d’olio e poco altro, pensate alla fettunta toscana o alle svariate bruschette.
Anche mio nonno aveva questa abitudine mi ricordo che quando ero bambino aveva ancora in casa una cucina economica e spesso d’inverno, a merenda, mi dava il pane abbrustolito sul fuoco, condito con olio e sale. Lui si è trasferito dal profondo sud al nord, ciò nonostante ha mantenuto le sue abitudini campagnole, già allora considerate un poco “esotiche”.

Per l’occasione ho scelto una ricetta che per me ha un ricordo affettivo di mio nonno Buonaventura (suo nome d’arte Paesano) ,in chiave più moderna, CROSTINI DI CAROTE AGRODOLCI.

CROSTINI D'INVERNO

CROSTINI DI CAROTE AGRODOLCI:

Ingredienti:
4 fette di pane integrale con semi
5 carote
1 cucchiaio circa di zucchero di canna
2-3 cucchiai di aceto bianco
qualche filo di erba cipollina
olio extravergine d’oliva
sale e pepe

Tagliate le carote con la mandolina a fettine sottili, poi fatele saltare in una padella con poco olio, a fuoco vivace. Muovete la padella di frequente, per evitare che si attacchino e cuocetele finché non sono ben arrosticciate: bastano 10 minuti. Regolate di sale, quindi aggiungete zucchero e aceto, assaggiando per dosare l’agrodolce a vostro gusto. Fate andare ancora un minuto, poi distribuite le carote sulle fette di pane abbrustolito e guarnite con una manciata di pepe e l’erba cipollina tagliuzzata.

E buona merenda!

orto

Leave a Reply