La salute nel piatto

IL CIBO CI PARLA

By 10 marzo 2016 No Comments
Blog - Cibo ci parla

E ci manda messaggi di salute o malattia. In una vita di 80 anni una persona ingerisce in media dalle 30 alle 60 tonnellate di cibo. È poco prudente quindi sottostimare l’effetto della nutrizione sulla nostra salute. Di fatto però questo è ciò che è accaduto con il progredire della civilizzazione. Rispetto ad una volta, la nostra dieta si è terribilmente impoverita di nutrienti ed è rimasta ricca di una sola cosa: di calorie. Mettereste un carburante inquinato nella vostra macchina? Probabilmente no. Ma questo è ciò che la maggior parte di noi fa quotidianamente con il proprio organismo in modo più o meno consapevole.

Blog - Cibo ci parla

Ovviamente oggi questo non dipende solo da scelte individuali ma dalla massiccia industrializzazione della produzione alimentare e dal consolidarsi di abitudini di vita assurde e dannose. Comunque è sotto gli occhi di tutti come la qualità della nostra alimentazione sia diventata sempre peggiore con una netta predominanza di cibi raffinati, ricchi di zuccheri e grassi idrogenati e poveri di fibra, vitamine e fitonutrienti.
Ma, sul piano scientifico, nelle ultime decadi sono emersi con certezza non solo gli effetti dannosi dell’alimentazione moderna ma anche quelli preventivi e perfino curativi dei cibi naturali. Tra le novità scientifiche più interessanti c’è la comprensione di come le sostanze contenute nei cibi siano in grado di interagire con i nostri geni fino a modulare le risposte cellulari.

Blog - Cibo ci parla

Questa è la nutrigenomica, una disciplina che sta rivoluzionando il modo di vedere il cibo. Non si pensa più a calorie ed energia ma a informazione molecolare che entra nel sistema digerente, penetra nell’organismo e regola i processi metabolici in ogni sua cellula. Se questa informazione non viene riconosciuta dalle cellule, come succede in molti cibi che consumiamo, si avvia un lento ma progressivo processo di disequilibrio molecolare. Un  come se il cibo moderno ultra-raffinato e iper-calorico parlasse una lingua sconosciuta che il corpo non comprende. Non è solo una questione di quantità e quindi di diete più o meno caloriche. Si tratta piuttosto di un problema di compatibilità tra ciò che introduciamo e quello di cui il nostro organismo ha davvero bisogno.

Leave a Reply